La comunicazione efficace tra customer care e promozione della scuola

Una comunicazione chiara e coerente è fondamentale per mantenere una buona relazione con i propri “clienti” e per scongiurare o minimizzare incomprensioni e crisi nella relazione di stima e fiducia, sopratutto quando si tratta di argomenti che hanno un impatto importante sul proprio pubblico, come quelli che la scuola sta affrontando in questo periodo, dalle scelte sulla didattica online alle decisioni economiche.

Ma uno strumento pensato inizialmente per la comunicazione interna, se impostato bene dentro una strategia, può risultare efficace anche per raggiungere un secondo obiettivo, non scontato e molto importante: la promozione della scuola all’esterno.

Alcuni esempi:

Comunicazioni interne

Tutte le scuole con cui dialogo costantemente attraverso il tavolo di lavoro della FOE utilizzano le email o gli avvisi sul registro elettronico per  comunicare alle famiglie e al personale quello che sta accadendo dal punto di vista normativo e per condividere le scelte attuate dalla scuola, anche se in evoluzione e perfettibili.

L’uso degli strumenti di comunicazione interna è già positivo perchè evidenzia la volontà di attivare e portare avanti il dialogo con le famiglie e il personale.

Una comunicazione trasparente, che va fondo delle ragioni, aiuta inoltre a instaurare una relazione costruttiva, minimizza incomprensioni e polemiche e provoca ad una corresponsabilità

Infine, una comunicazione leale e coerente rafforza la percezione dei valori della scuola e della sua missione, fidelizza l’interlocutore e lo porta a diventare ambasciatore del brand

Sito e Social Network

La maggior parte delle scuole del tavolo sulla comunicazione della FOE hanno potenziato l’utilizzo di sito e social.

In questo momento in cui la relazione interpersonale è solo via internet e i social sono sempre più luoghi di incontro e di informazione, anche le scuole che non avevano ancora profili su Facebook e Instagram li hanno attivati.

E’ importante notare come in questo periodo social e siti spesso danno spazio a usergenerated contents in cui i contenuti sulla vita della scuola, della sua identità e dei suoi valori sono creati dai suoi protagonisti (alunni, insegnanti, genitori) che diventano ambassador e generano così passa parola virtuale.

Sui siti internet sono nate pagine che raccontano le tante esperienze di scuola online o danno spazio a riflessioni sul periodo che vanno oltre la didattica. Ma sono pochissime le scuole che hanno pensato di utilizzare il sito anche per illustrare in maniera più “tecnica” la didattica a distanza messa in atto.

E’ il caso della scuola paritaria La Zolla di Milano che partendo dall’obiettivo di condividere con le famiglie le scelte fatte sulla didattica a distanza, ha scelto poi di parlare contemporaneamente anche ad un pubblico esterno attraverso la creazione di una pagina del sito dedicata e in continuo aggiornamento (CLICCA QUI PER VISITARLA) dove vengono descritte in maniera semplice e chiara modalità applicate e strumenti scelti illustrando il perché delle decisioni prese.

Soprattutto ora che non sappiamo quando torneremo a fare scuola in modo “normale”, dare visibilità alla didattica a distanza sul sito è una scelta strategica perchè oggi questa modalità di somministrazione della didattica è parte integrante dell’offerta formativa di una scuola.

Creare sul sito una nuova pagina sulla didattica a distanza aiuta quindi a raggiungere target diversi (famiglie attuali e prospect, altre scuole, enti ed istituzioni del territorio…) e obiettivi differenti come

  • Rafforzare la consapevolezza sulla strada che si sta facendo
  • Migliorare la comunicazione con le famiglie attuali sulle decisioni intraprese
  • Valorizzare l’impegno e il lavoro svolto dal personale della scuola
  • Dare informazioni dettagliate sull’attuale offerta formativa a distanza
  • Favorire la reputazione della scuola sul tema della didattica a distanza
  • Aumentare la visibilità della scuola sulle ricerche su questo tema

Capita così che anche in questo momento di crisi e incertezze per le scuole paritarie arrivino richieste di iscrizione da famiglie che sono rimaste colpite da come la scuola si sta muovendo in questa situazione di crisi, anche in confronto ad altre scuole vicine e lo hanno scoperto dai dialoghi con amici e parenti che frequentano già la scuola, o sui social, oppure dal sito.

Attenzione quindi alla comunicazione interna e a quella esterna sui temi chiave del periodo

Comunicare bene, in maniera chiara e coerente, condividere le ragioni è quindi essenziale può portare valore in termini di fidelizzazione interna e di visibilità e rafforzamento del brand all’esterno.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *